Come smaltire gli oli esausti della frittura

Ven, 2020-05-29 13:32

“Fritta è buona anche una ciabatta” erano solite dire le nostre nonne, spesso maestre sopraffine del buon mangiare. Tra i loro indiscussi fiori all’occhiello: le fritture leggere e croccanti. Ma se il loro regno era la cucina, quello che forse, con il senno del poi, faceva un po’ acqua era la sensibilità per l’ecosistema.

E quindi forse è meglio archiviare tra le pieghe dei ricordi alcune delle pratiche di cui si rendevano autrici inconsapevoli. In primis: le modalità di smaltimento dell’olio utilizzato per la frittura. Una pratica, questa, non di poco conto. Vediamo quindi come smaltire gli oli esausti della frittura.

Cosa sono gli oli esausti

Per olio “easusto” si intende, molto semplicemente, quell’olio che ha terminato il suo ciclo di vita. E come tutto ciò che è morto, va smaltito. Non trattandosi però di rifiuto organico e non essendo nemmeno biodegradabile, non si può pensare di dare seguito alle pratiche sbagliate di familiare memoria.

Pratiche di smaltimento sbagliate  

Tra le pratiche da mettere all’indice, senza se e senza ma, la dispersione di questo olio direttamente nelle tubazioni di  scarico del lavello, o in quelli del water. Da bandire pure l’introduzione degli oli direttamente nei comuni bidoni della spazzatura, seppur contenuti in appositi contenitori.

Ancora peggio la leggenda metropolitana che vorrebbe attribuire a questo tipo di olio un effetto utile, ai fini della concimazione delle piante. Infatti non solo l’olio esausto possiede un alto valore inquinante per le falde acquifere sottostanti, ma sarebbe anche in grado di determinare l’impoverimento del terreno. Un rimedio che sarebbe peggiore del “male”.

Come smaltire gli oli esausti della frittura

Quindi, come e dove smaltire l’olio della frittura? La risposta è semplice. Ogni nucleo familiare deve smaltire l’olio esausto, servendosi di contenitori che, nella migliore delle ipotesi, sono appositamente progettati. Per sincerarsi di questa cosa, basta verificare cosa prevede il proprio comune di appartenenza, al riguardo.

 

Altrimenti, possono fare al caso anche delle bottiglie di plastica, che poi si avrà cura di portare nelle isole ecologiche più vicine. Una pratica di facile esecuzione, oltre che salutare.

A cura di Maria Teresa Biscarini

(https://www.proiezionidiborsa.it/come-smaltire-gli-oli-esausti-della-frittura/)